Festival di Sanremo del 1961

L'undicesima edizione del Festival si tenne dal 26 al 28 gennaio e il 6 febbraio, nel Salone delle Feste del Casinò di Sanremo. Trasmesso dalla Tv Nazionale, in eurovisione e in radio, fu presentato da Lilli Lembo, Giuliana Calandrea e con Alberto Lionello per la finale.

Per la prima volta il Festival fu presentato da due donne, fino alla finale in cui la Calandra fu sostituita da Alberto Lionello.

Dovremmo aspettare il 1986, con Loretta Goggi, per rivedere una donna la timone del Festival.

Vinse la canzone "Al di là", cantata nella versione melodica da Luciano Tajoli e quella urlata di Betty Curtis.

Mina partecipò di nuovo al festival in questa edizione, con due canzoni: "Io amo tu ami", cantata con Nelly Fioramonti, e le "Mille bolle blu", cantata con Jenny Luna. Data per favorita, le sue canzoni di fermarono al quarto e quinto posto. Tale fu la delusione e lo stress, che da allora Mina non prese più parte a nessuna competizione canora.

Per la prima volta venne introdotto il "Votofestival" popolare, attraverso l'Enalotto, tramite il quale arrivarono ben 3 milioni di voti. Proprio a causa dell'introduzione di questo metodo di voto il vincitore venne proclamato 9 giorni dopo la finale.

La canzone vincitrice, "Al di là", riscosse un ottimo successo internazionale, grazie all'interpretazione di Luciano Tajoli, ma trionfarono anche Adriano Celentano e Little Tony con "24 mila baci" e Pino Donaggio con Teddy Reno in "Come sinfonia".


Hai notato qualcosa che non va?
Che succede?
Loading...

Ricevuto! Grazie per la segnalazione.
Controlleremo il prima possibile.

Consenso sulla privacy

Caro utente ti rubo solo un minuto,

come ormai ben saprai Internet sta cambiando, si sta evolvendo. All'aumentare delle possibilità, aumentano le responsabilità.

In seguito all'approvazione del GDPR europeo, la gestione della privacy su Internet non è più la stessa.
Ed è giusto che sia così.
Come staff di FaDiesis siamo tenuti a dichiarare cosa facciamo dei tuoi cookie di navigazione.

Ebbene, noi li usiamo per i seguenti motivi:

Se vuoi sapere esattamente l'uso che Google farà dei tuoi dati puoi dare un'occhiata qui.

Ora, il monitoraggio della navigazione non trattiene nessun tuo dato personale (l'IP è appositamente registrato in forma anonima), quindi è proprio una forma anonima di statistica.
Per quanto riguarda l'area riservata, si tratta di una funzione indispensabile per il funzionamento del sito: evita la registrazione se non vuoi che usiamo i cookie per questo.
Per quanto rigarda invece gli annunci puoi scegliere di evitare gli annunci personalizzati. Ricorda: se disattivi la seguente opzione gli annunci vengono mostrati ugualmente, solo che saranno generici e non pertinenti ai tuoi interessi.

Vuoi ricevere annunci personalizzati?